venerdì 31 maggio 2013

La versione di Bruto

Pietro Gaglianò

“La Versione di Bruto” è un approfondimento critico sulle ramificazioni e sui significati discriminatori presenti nell’estetica del monumento pubblico, con una focalizzazione sui monumenti ai caduti realizzati dopo i due conflitti mondiali (con il loro portato simbolico di aggressività, rivalsa, militarismo, nazionalismo). La ricerca cerca di isolare parole chiave e modelli formali che contengono una radice di intolleranza e di sopraffazione culturale, o richiami a forme violente dell’interazione sociale, e rimette in discussione il ruolo del monumento e la sua pertinenza alla creazione dell'aggregazione culturale e sociale. Il titolo si riferisce alle possibili interpretazioni del gesto più eclatante di Marco Giunio Bruto, e riflette su come la storiografia produce ideologie (e parole, e monumenti carichi di significati surrettizi).

Nessun commento:

Posta un commento